CYKELN DIVISIONE CORSE – Il team per la RED HOOK Criterium è pronto

Browse By

A pochi giorni dalla prima tappa del “campionato del mondo” di scatto fisso conosciuto come RED HOOK CRITERIUM , che vede come ogni anno svolgersi in quel di Brooklyn – Nueva York , abbiamo scambiato delle domande con i riders del nostro CYKELN DIVISIONE CORSE che prenderà parte alla gara , la quale si preannuncia anno dopo anno sempre più competitiva.

FLAVIO PAGLIACCIA  – 35 anni

Cosa ti aspetti  da questa nuova stagione della RHC?
E’ la prima stagione che affronto, vorrei capire in che posizione mi colloco e da lì cercare di migliorare sempre di più, so anche che c’è molto da lavorare ma gli stimoli non mancano.

Cosa ne pensi del nuovo format di qualificazione ?
Sicuramente per me molto migliorato, dato il fisico che ho non proprio longilineo, dare tutto in solo giro era veramente difficile, per lo meno adesso posso provare ad usare un pò di fantasia.

Chi sono per te gli avversari da tenere d’occhio ?
Se dico Aldo (Ilesic) sono banale?

CHRISTOPHER MARTINEZ – 29 anni


 
Cosa ti aspetti da questa nuova stagione ?
Io da questa stagione mi aspetto di riuscire ad entrare nella top ten come squadra e cercherò di fare del mio meglio per portare punti in casa Cykeln.

Cosa ne pensi del nuovo format di qualificazione ?
Penso che il nuovo format di qualifica sia ottimo sia per diminuire il rischio di cadute , sia per far divertire tutti comprese le persone che non si qualificheranno. E a parer mio è più giusto visto che in solo giro c’è sempre il rischio di trovare altri riders nel circuito che ti rallenta con la possibilità di non qualificarsi .

Chi sono per te gli avversari da tenere d’occhio ?
A mio parere dovremmo stare attenti a tutti i partecipanti perchè il livello è veramente molto alto e non ci sono solo 2o 3 persone da controllare

E’ banale ma “rispetto per tutti, paura di nessuno” .

 

MATTEO CECCHINI

Cosa ti  aspetti  da questa nuova stagione ?
Di sicuro voglio godermi di più ogni gara dato che l’anno scorso ero nuovo di questa disciplina e il mio approccio alle gare era un misto di paura e adrenalina.Inoltre vorrei essere utile alla squadra per raggiungere qualche  risultato importante.

Chi sono per te gli avversari da tenere d’occhio ?
Non essendo un mago nella guida della bici il vecchio metodo di qualifica mi penalizzava abbastanza.Con il nuovo metodo credo sicuramente di avere qualche chance in più in qualifica. Inoltre credo siaanche più divertente e sicuro per chiunque , per fortuna non parto più con il timore di andare a New York per fare un giro e basta.

Chi sono per te gli avversari da tenere d’occhio ?
Credo che si faccia prima a dire chi non devo tenere d’occhio, a mio modesto parere che di essere capitato in uno dei gruppi più duri di tutti se non il più duro. Credo che si siano almeno 4/5 atleti che porebbero tranquillamente lottare per la vittoria finale tipo: Strickland, Briggs, Petrache, Schafer, e poi c’è un certo Roberto Pagliaccia su cui ho scommesso una casa!

FOTO : Massimo “PIACCA” Bacci