Rockville 2016 – when mud becomes happiness

Browse By

Se il 6 gennaio ti trovi a Villarocca di Pessina Cremonese penseranno che hai qualche problema.
E’ una reazione spontanea. In fondo cosa spinge 100 persone, tutti gli anni, a svegliarsi alle 6 del mattino e sfidare la nebbia e la brina di inizio anno? Cosa le spinge a spogliarsi al freddo e indossare tutine (oggettivamente) inguardabili per pedalare in mezzo al fango molle? E soprattutto, cosa le spinge a farlo usando biciclette senza cambio?

3C6A0453 copy

3C6A0455 copy

3C6A0514 copy

3C6A0863

Per noi è naturale ma tanti profani faranno fatica a capire, anche partecipando; tanti profani non hanno capito pur avendo partecipato.
Eppure non è difficile: Rockville è il luogo di nascita del singlespeed in Italia e a 9 anni di distanza rimane la nostra festa perché nonostante le persone e le bici siano cambiate il fango è rimasto fedele a sé stesso; insieme allo spirito dell’andare in bici senza marce.

12466045_10208754400967238_3381512739501759906_o

3C6A0880

3C6A0733

3C6A1078 copy

Se ti aspetti premi e celebrazioni per la vittoria puoi restare a casa. Se ti aspetti commenti sul tuo secondo, terzo o decimo posto non hai capito. Se ti aspetti di poter fare sorpassi arroganti ed essere scortese meglio se non parti nemmeno.
A Rockville si viene per fare fatica, la più grande fatica in mezzo al freddo che ci si possa immaginare. Si viene per vedere la propria bici democraticamente ricoperta di fango, pesante 12 kg e piena di erbe cotte attaccate ai raggi. Si viene per gli amici, per il pranzo, per le caccole di fango che escono dagli occhi, per gli scivoloni in curva, per gli insulti del pubblico. Si viene per la pesca dei premi (e quest’anno mi è andata malissimo NDS), per il vino rosso che fa venire mal di testa e per perdere la voce urlando durante l’estrazione. Insomma: si viene per celebrare la gara in bicicletta spogliata di ogni suo accessorio. Proprio come le nostra bici: alcune costose, altre raffazzonate ma tutte con un solo rapporto che sicuramente in qualche momento della gara sarà sbagliato.

Testo di : Niccolò Varanini

nicco

 

Niccolò Varanini è un giovane medico ed un giovane ciclista. Nato con la bici da pista e arrivato alla MTB singlespeed (passando dalle super randonnè) gli manca solo il Bike Polo per averle provate tutte.

Instagram: @niccolo_varanini

 

 

 

 

 

Info and contact:

http://singlespeed-italy.com
Photo Credits and Album

Photo credit: Emanuele Barbaro

L’album completo su facebook: https://www.facebook.com/emanuele.barbaro.99/media_set?set=a.10208754149960963.1073741866.1528794094&type=3&pnref=story
Flickr: https://www.flickr.com/photos/127349724@N02/
blog: https://emanuelebarbaro.wordpress.com/
Instagram: https://www.instagram.com/sba_sapu/